Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Rapp_2 rapp_cortenova

vivimiguel

13 città, 37 istituti scolastici, più di 1600 ragazzi e ragazze daranno vita martedì 17 aprile alla prima edizione della ViviMiguel.

Allo stesso giorno, alla stessa ora – il via alle ore 10 - in una corsa un po’ pazza che mobiliterà le scuole superiori, all’insegna della lotta al razzismo, della bellezza del conoscersi non lasciando indietro nessuno.

Il meccanismo “tecnico” della staffetta è semplice: i primi 195 metri saranno percorsi da una sfilata delle scuole, una cerimonia di apertura in cui saranno coinvolti anche i ragazzi con disabilità, rifugiati politici e chiunque voglia condividere la filosofia di questo giorno di festa. Poi il via con formazioni di 42 frazionisti, con un numero minimo di ragazze (10) e di under 16 (10), proprio per garantire la partecipazione di tutta la scuola e di tutte le età degli studenti.

Ogni squadra ha scelto il nome di un personaggio della storia dello sport. Così, insieme con Muhammad Ali e Pietro Mennea, Nadia Comaneci e Sara Simeoni, ci sarà anche Samia Yusuf Omar, la velocista somala vittima di uno dei tanti, tragici, incidenti dei barconi della morte nel mar Mediterraneo, e  Luz Long, il rivale di Jesse Owens a Berlino che con la sua sportività e il suo fairplay diede un clamoroso messaggio antirazzista davanti a Hitler.

Sarà una mattinata da vivere con una serie di iniziative. Particolare attenzione sarà dedicata alla colonna sonora - curata dagli stessi ragazzi - delle gare: a Bologna andrà in onda la radio degli studenti; a Siderno canterà il Liceo Mazzini; a Crotone si vivrà un’atmosfera da disco; a Catania il liceo artistico Emilio promuoverà la cultura di pace con Greco Olympic Games e a Roma si esibiranno danzatori al suono dei tamburi. Anche la Rai ha sposato l’iniziativa: Rai News24 darà il via e il TG Regione curerà i collegamenti dal territorio.

Le 13 città di ViviMiguel sono: Biella, Bologna, Camerino, Campobasso, Catania, Catanzaro, Crotone, Milano, Olbia, Potenza, Roma, Siderno, Trieste. 

A Milano la manifestazione si svolgerà all'Arena Civica, e vedrà impegnate 4 squadre di tre scuole: 

ISS ARTEMISIA GENTILESCHI con due squadre (Prof. PATRIZIA SANTONE e NICOLETTA BERRA)

IIS ENRICO DE NICOLA di SESTO S.GIOVANNI (Prof. ELISABETTA BOSSI)              

IIS GALILEI LUXEMBURG MILANO (Prof. NICOLA FRAGNITO)

ViviMiguel si corre in collaborazione con MIUR (Ministero Istruzione Università e Ricerca), FIDAL (Federazione Italiana Atletica Leggera), UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) e il patrocinio dell’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana).

(da comunicato stampa organizzatori)

LA STORIA DELLA CORSA DI MIGUEL

Nata il 9 Gennaio 2000 continua a correre per le vie di Roma. La storia della Corsa di Miguel parte il 9 gennaio del 2000, una data tutt’altro che casuale: proprio il 9 gennaio del 1978 Miguel Sanchez, podista e poeta argentino, venne rapito da un commando paramilitare, diventando uno dei quasi 30.000 desaparecidos vittime della dittatura. Nata da un’idea del giornalista della Gazzetta dello Sport Valerio Piccioni e organizzata dal Club Atletico Centrale in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sportive del Comune di Roma, la prima edizione della corsa vede ai nastri di partenza più di 1500 appassionati, tra competitiva e non competitiva. 

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY