Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Fidalmilano3 Fidalmilano_2 fidal_Milano_slideshow

sesto campo dordoni

Che sia una buona o una cattiva notizia, per ora è difficile dirlo. Sta di fatto che, nei giorni scorsi, un segnale positivo è arrivato dalla pista del "Pino Dordoni" di Sesto San Giovanni. Come annunciato dallo stesso presidente Robero Vanzillotta, "adesso è ufficiale fino al 31 ottobre: l’Amministrazione Comunale, la Fidal e il Geas Atletica hanno trovato l’accordo per prorogare la loro collaborazione".

Riassunto delle puntate precedenti. Tre mesi fa, ai primi di marzo, cominciò a circolare insistentemente la notizia che il 31 maggio sarebbe scaduta la concessione della pista alla società di atletica, per effetto di un bando pubblico che annullerà l'esclusiva dell'atletica per lo storico anello "olimpico" di Sesto. Quindi, dal 1 giugno, che fare?

Ma non sono questi i giorni migliori per fare le rivoluzioni, neppure nell'ex Stalingrado d'Italia. Ben venga allora la tregua-proroga* che permetterà quanto meno di completare la stagione agonistica 2020. Se poi la situazione sportiva post-covid si chiarirà ulteriormente, allora anche per i rossoneri sarà più facile programmare il futuro.

AGGIORNAMENTO 9/6/2020: su indicazione della società, specifichiamo che la proroga per l'utilizzo della pista è frutto di un nuovo contratto tra il Geas e l'Amministrazione Comunale, e non l'effetto della situazione Covid.

Continua infatti Vanzillotta sul blog della squadra:

"Questo ci aiuterà a finire la stagione per tutta l’attività che si spera possa riprendere alla fine di giugno con manifestazioni Regionali e da luglio con quelle Nazionali, oltre a partecipare da fine agosto a fine ottobre ai vari Campionati Italiani nelle diverse categorie. Attualmente con queste restrizioni è impossibile per il gestore pensare ad un’attività per l’utenza libera. Troppe spese, troppe responsabilità, troppo personale per un numero di persone che fra una quindicina di giorni, come è sempre successo negli scorsi anni, per il troppo caldo preferiva o diminuire la loro attività o svolgerla in condizioni migliori. Vedi la frequenza di molti runner nel Parco Nord al mattino presto o verso sera sfruttando al meglio la luce solare. Per loro si spera di poter dare un servizio dai primi di settembre. [...]

Quindi il nostro augurio è che a settembre si possa ritornare alla normalità per le famiglie, gli allenatori e la nostra società che da sempre è impegnata ad offrire la possibilità di frequentare i corsi di atletica con una quota accessibile a molte famiglie e con un buon riconoscimento economico per i vari allenatori.

Aspettiamo l’evolversi della situazione e alla prossima".

SEGUICI SU: Instagram @atletica_milano | Facebook www.facebook.com/fidalmilano | Twitter @fidalmilano 

DAVI.VIGA.

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY