Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

1arena 2XXVAPRILE

ATTIVITA'

RUBRICHE

MONDO RUNNERS

CORSI E SCUOLE DI ATLETICA

camelotbannerSabato 23 e domenica 24 giugno Milano sarà al centro dell'attenzione dell'atletica nazionale. All'Arena si svolgerà la finale dei Campionati italiani di società Allievi/e, massimo appuntamento a squadre per gli atleti under 18. Dodici le società che si contenderanno lo scudetto al maschile e al femminile. Tra le Allieve toccherà alla formazione della Camelot il compito di tenere alto il nome dell'atletica milanese. A una settimana dal grande evento, è il presidente Franco Angelotti a spiegare obiettivi e ambizioni della squadra, che si presenta alla finale con il settimo punteggio nazionale (13.455) conquistato dopo le fasi regionali. «La nostra squadra nasce dal lavoro fatto unicamente a Milano insieme ad altre società come l'Atletica Cinisello e l'Atletica Canegrate. Diciamolo subito, non siamo competiti per i primi posti, ma è per noi una grandissima soddisfazione essere presente, per il dodicesimo anno consecutivo, a una finale nazionale per società. I nostri punti forti sono la velocità e il mezzofondo, soprattutto con atlete del calibro di Arianna Bettin nei 100 mt, allenata dalla nostra atleta Elena Sordelli, e di Debora Varrone nei 1500, la migliore in Italia attualmente. Siamo molto orgogliosi di questo risultato perché le ragazze vengono dalle nostre giovanili, siamo una società che pone grande attenzione al vivaio. Sono quasi tutte atlete lombarde perché abbiamo scelto, come società, di diventare più lombardi. Essere una squadra di vertice vuol dire avere una connotazione precisa: noi abbiamo scelto di non comprare atlete in giro per l'Italia ma di aprire contatti con le società giovanili di Milano e della regione». Visto che la Camelot non ambisce a posizioni da podio, che cosa vi aspettate da questi campionati di società? «La finale dei societari è un importante momento di aggregazione, per fare gruppo e per crescere insieme, per dare motivazioni. Essere una società significa vivere momenti insieme: senza rapporti, amicizia e contatti non si va da nessuna parte nello sport». www.camelotatletica.com/

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY