Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

1arena 2XXVAPRILE

No, non hanno perso il ritmo, hanno solo lasciato che il tempo facesse il suo lavoro. Con qualche settimana in più di attesa, ecco arrivare bello carico il nuovo numero di Trekkenfild, pillola giornalistica coadiuvante nella digestione della nostra amata-odiata atletica. Questa volta i due co-autori e direttori Walter Brambilla e Daniele Perboni hanno lasciato che la loro creatura e i suoi argomenti invechiassero e maturassero a dovere, come per il buon vino. Siamo qui pronti allora a stappare una bottiglia ben fermentata, dal finissimo perlage. Peccato solo ci sia ben poco per cui brindare e alzare i calici.

Maratone italiane ed estere, le staffette (squalificate) delle Bahamas, la Rai che latita e nasconde l'atletica anziché mostrarla, ben imitata dalla carta stampata. Ecco i temi che la coppia Brambilla-Perdoni condivide e analizza ciascuno a proprio modo. Per l'angolo dei contributi, Ennio Buongiovanni si sofferma poeticamente sulla Milano della Stramilano, mentre Gianfranco Colasante si concentra sull'aumento di discipline olimpiche previste per i Giochi di Tokio 2020.

E poi, ebbene sì, ecco un nuovo capitolo della Schwazeriade, involontario. Nel senso che se lui tace, la saga non va avanti, se invece torna in tv, ecco comparire un nuovo capitolo del romanzo epico da discount. Qualche domanda, già nota ai più, rivolta al fantomatico personagigo dei social Ennio Carli, difensore integerrimo del marciatore di Racines. E poi un "Bugie e complotti" firmato da Sandro Aquari che tanto farebbe bene agli enniocarli che compongono il pubblico medio della schwazeriade.

In chiusura, e qui giochiamo in casa, ecco il racconto personalissimo della nostra ex presidente Sabrina Fraccaroli, reduce dalla sua trasferta a Nassau come capo delegazione alle World Relays. Perché anche fare il dirigente può essere un'emozione grandissima.

Da leggere e da meditare (basta cliccare sull'immagine della copertina qui sotto).

Trekkenfild N46 2017aprile 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY