Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Fidalmilano3 Fidalmilano_2 fidal_Milano_slideshow

xxvaprile

Si torna a correre? Pare proprio di sì. Oggi abbiamo fatto un giro al campo sportivo XXV Aprile di Milano, a pochi giorni dalla riapertura per gli allenamenti degli atelti di interesse nazionale.

Tutto ciò mentre la Regione Lombardia con l'odierna ordinanza n.541 dà il via libera agli allenamenti per tutti gli sport individuali. Ora la palla passa ai Sindaci, che dovranno stabilire se e come aprire o meno gli impianti comunali. Vedremo nei prossimi giorni come si evolverà e si organizzerà la situazione nelle nostre piste.

Intanto al XXV Aprile l'attività è ripresa, ordinata e organizzata. Controllo della temperatura all'ingresso, verifica del nome tra gli atleti di interesse nazionale, firma del registro di ingresso. E poi, finalmente, spazio alla corsa.

Buche e pedane sono ancora off limits. C'è qualche approccio nell'asta, ma è soprattutto in pista che c'è un'attività che vibra di emozione. Il contatto col tartan è come un bacio dato e trattenuto per troppo tempo.

Si corre soprattutto sul rettilineo d'arrivo, specie nella parte in ombra: oggi il sole era di vera primavera. Andature, balzi, qualche sprint ma in pieno controllo. Atlete e atleti stanno letteralmente uscendo da un letargo muscolare e il risveglio deve essere graduale.

C'è il gruppo degli super ostacolisti di Giorgio Ripamonti, ovvero Lorenzo Perini, Mattia Montini, e le "Lindas" Olivieri e Guizzetti. La voglia di tornare ad allenarsi insieme regala sorrisi e adrenalina.

La Pro Sesto è presente con Bigoni, Cesati, Panara e Previtali, e si concede qualche sprint anche Sofia Bonicalza. Le quattrocentiste Zeli e Aquilino sono le prime a entrare e a uscire dalla pista, l'assaggio è graduale. Anche Mattia Casarico fa girare le gambe per riprendere confidenza.

La pista blu comincia a cedere qua e là, meglio non chiedere troppo a tendini e muscoli. Urge un retopping, altrimenti a breve le sei corsie torneranno territorio per soli runner e ripetute a bassa intensità.

Velocisti e ostacolisti in pista, mentre fuori, su e giù per la Collinetta di Siro, sgambano liberi e felici fondisti di ogni ritmo. Una pattuglia della Polizia Locale controlla che anche il traffico a piedi non diventi pericoloso.

Sulla nostra pagina Facebook e Instagram c'è un video di questo ritorno alla vita: andatevelo a vedere. E tornate a correre (con prudenza, sempre).

DAVI.VIGA.

 

SEGUICI SU: Instagram @atletica_milano | Facebook www.facebook.com/fidalmilano | Twitter @fidalmilano 

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY